Arillo: “Finalmente un grande Napoli, ora la prima vittoria interna per i tifosi”

Doveva essere il derby della svolta, così è stato. Il Napoli espugna il campo della Feldi e prova a dare una sterzata alla propria stagione. Grazie a una prestazione di livello, al carattere di un gruppo che vuole dimostrare quanto vale. Adesso, però, serve continuità: contro il Came, la formazione di Piero Basile andrà a caccia del primo successo casalingo.

#IlveroNapoli – “Finalmente si è visto un grande Napoli”, la liberazione di Attilio Arillo, autore del gol che ha sbloccato il match. “Abbiamo avuto un po’ di sfortuna in questo inizio di campionato, ma non possiamo e non vogliamo cercare scuse: sappiamo chi siamo e dove giochiamo, e contro la Feldi si è vista finalmente la squadra che tutti si aspettavano”, ribadisce il numero 9, grande ex, insieme a Basile, nella sfida di venerdì, vinta per 6-3. “La nostra migliore partita, senza ombra di dubbio. La chiave? Le motivazioni, la consapevolezza di essere forti. Vincere a Eboli non è facile, per farlo servono gli attributi, noi li abbiamo avuti”.

#Trascinatore – Il peggio sembra finalmente alle spalle: “Quando inizi una stagione con giocatori provenienti da altri campionati, c’è solo bisogno di tempo. Venerdì, nonostante le assenze di Fortino e Coelho, abbiamo dimostrato quello che possiamo fare – sottolinea l’universale -. L’inizio non è stato positivo, ma sono convinto che arriveremo lontano”. Arillo, nel frattempo, si sta confermando su alti livelli: anche quando la squadra non girava, lui c’era. Pronto a dare la scossa a tutto l’ambiente: “Mi sento bene e sono molto contento del mio rendimento. Non ho mai mollato, neppure quando le cose erano difficili – spiega -. Se oggi sono questo giocatore, devo dire grazie soprattutto a me stesso”.

#Continuità – La vittoria di Eboli ha riportato entusiasmo, ora, però, servono conferme. Servono ulteriori segnali di crescita, serve continuità: “Il Came non è partito bene, ma sappiamo che ci aspetta una gara difficile – avvisa -. Conosciamo le insidie, ma non possiamo permetterci altri errori, anche perché giochiamo in casa: vogliamo regalare la prima vittoria interna ai nostri tifosi”. È il momento di risalire la classifica: “Dobbiamo conquistare la Final Eight di Coppa Italia e arrivare il più lontano possibile in campionato”, conclude Attilio. L’uomo che non si è mai tirato indietro. L’uomo che, nel giorno della rinascita, ha messo la sua firma, per primo. Arillo c’è, il Napoli anche.

In collaborazione con Calcio a 5 Live

Condividilo su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email