L’editoriale di Chiariello. No pattini, solo futsal

Da quando il Napoli calcio si è fermato, causa forza maggiore (i Mondiali), è finita la magia per il Napoli Futsal. Non si cammina più a braccetto. Ed è arrivata la settimana difficile, molto difficile. Perché si sapeva che a Nocera il clima sarebbe stato infuocato e il Real San Giuseppe, così come dimostrato in campionato, sarebbe stato un avversario ostico, ma nessuno poteva immaginare che la corazzata Napoli staccasse così violentemente la spina al punto da consegnarsi in maniera prona e senza reagire, facendosi eliminare in maniera così imbarazzante, considerando la forza della squadra. Un’eliminazione che brucia, perché la società alla Coppa teneva. E tutto questo alla vigilia dello scontro diretto di Roma contro l’Olimpus, al Pala Olgiata, in una partita ai limiti della farsa per le condizioni del campo nella ripresa. Fatto sta che il Napoli si è trovato ad affrontare non uno ma due avversari. Il forte Olimpus, che merita rispetto con i suoi fuoriclasse Dimas (che gran gol!) e Marcelinho su tutti; ma anche il parquet, una saponetta scivolosa e pericolosissima più adatta all’hockey o al pattinaggio artistico che al futsal.È davvero assurdo che gli arbitri abbiano consentito di giocare questa partita mettendo a rischio fortemente l’incolumità degli atleti. Si sono visti scivoloni incredibili, cadute a terra pericolosissime. Oltre a rischiare fratture delle articolazioni, il rischio di finire con la testa a terra è stato altissimo. Ma si può pensare che per giocare a tutti i costi si corrano questi rischi? Peccato: nel momento in cui si è fermato il grande circo del Barnum del calcio per dar spazio al Mondiale, si poteva fare di questo bellissimo incontro al vertice una vetrina favolosa per il Futsal. Decisione miope ed occasione sprecata. Ha vinto l’Olimpus di rimonta dopo il rabbioso 2-0 iniziale del Napoli con un gran gol di Capitan Perugino ad aprire le danze. Roma ha poi preso il largo. A nulla è valsa la doppietta di “Raspa” Arillo, in stato di grazia da un bel po’. La partita l’hanno vinta i forti romani 5-4 spezzando la serie partenopea di 7 successi consecutivi. Ma la risposta dopo l’amorfa prestazione di coppa c’è stata ed il Napoli è vivo e resta capo classifica. Si rialzerà più forte che pria. Però per favore: i pattini a rotelle lasciateli fuori dal Futsal.

Condividilo su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email